call nyala-receptionSeguici sul nostro Blog NyalaNews per conoscere le ultime novità per una vacanza in RivieraDiventa nostro fan su facebook e accedi alle offerte riservate ai nostri amiciSegui tutti gli aggiornamenti sulla nostra attività sul nostro account TwitterGuarda i nostri video
Charme feminin: Antonella Cotta

La visione estetica di Antonella Cotta è quella di un paesaggio ligure che diviene nel suo “fare arte” veduta introspettiva, dilatazione dell’anima.

3 - 30 settembre 2010.
Sale d'Arte Nyala

Antonella Cotta nasce il 9 luglio 1954 ad Imperia, dove vive fino al 1985, anno in cui si trasferisce a Diano Castello, il paese dove tuttora abita. Inizia a dipingere su seta in occasione della nascita dei suoi figli (1989) Nicolò ed Eugenia. Dipinge esclusivamente su seta fino al 2006, anno in cui si dedica ad opere su tela applicando tecniche miste ad olio ed acrilico. Le sue opere su seta, per la tonalità dei loro colori, appaiono come singolari acquerelli, mentre quelle su tela appaiono astratte rispetto al mondo reale. Ama raffigurare i luoghi che l’hanno particolarmente colpita nei suoi viaggi e i paesaggi della terra ligure. Nei dipinti si delineano colori solari che sono la caratteristica peculiare dei quadri. Considera la pittura un’espressione intimistica che necessita di essere vissuta individualmente e ritiene che si dipinga soprattutto per se stessi. L’idea di rendere omaggio alla rappresentazione della natura, genere classico dell’arte pittorica riletto in chiave astratta nelle opere di Antonella Cotta, origina dalla consapevolezza che la sua arte e i suoi ideali raccolgono consensi e suscitano entusiasmi. Raffinata interprete per dimensione artistica e intellettuale, propone agli abitanti di Sanremo, ma anche al pubblico più vasto un equilibrio, una misura suggerita insieme dalla natura e dalla lezione dei grandi maestri del passato. Una vocazione artistica che è interpretazione dinamica, rivelazione strutturata secondo le leggi del suo linguaggio pittorico, sempre vigoroso e sempre sostenuto dalla ricchezza e dalla violenza del colore. La restituzione del dato naturale come la cura con cui rende lo scintillare improvviso di una luce dorata, non sono solo frutto di un’impressione ottica, ma traduzione di un’urgenza sentimentale: all’artista interessa cogliere sia l´ “hic et nunc”, l’apparenza instabile e fuggevole delle cose, sia il ritrovare la realtà più intima e nascosta vivificata e animata dalla costante carezza della memoria.

«La visione estetica di Antonella Cotta – osserva la curatrice Giorgia Cassini – è quella di un paesaggio ligure che diviene nel suo “fare arte” veduta introspettiva, dilatazione dell’anima. Di fatto ferma sulla tela, entro un sedimentarsi materico, un paesaggio condizionato da una forte connotazione coloristica, sviluppando un discorso pittorico ove la natura è l’elemento primario. Manca la definizione tradizionale degli spazi, essi sono ridotti ad elementi geometrici, a forme che si giustappongono creando l’idea di una trasformazione continua. Sono opere in cui risalta lo studio dei colori, delle tonalità, della luce, delle forme e dove la scelta da parte dell’artista di una certa immagine della natura o della sua rappresentazione vuole essere il segno di una particolare interpretazione della vita. Un paesaggio, quello ligure, incantevole e leggiadro, di straordinaria intensità vitale, ricreato fra realtà e poeticità».

 

Antonella Cotta
Charme feminin

a cura di Giorgia Cassini

Sale d'Arte
del Nyala Hotel Sanremo
Sanremo

dal 3 al 30 settembre 2010

Giorno di arrivo
Notti
Stanze
Adulti
Bambini
Codice cliente
Codice speciale